Questo sito o i servizi terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

  • info@qsinfor.it

  • +39 0521 944592

AU London 2018

L’Autodesk University si conferma un appuntamento di formazione e aggioramento di altissimo livello. Anche l’edizione londinese del giugno scorso è stata eccezionale: oltre 1600 professionisti si sono incontrati per condividere competenze, trovare nuove prospettive e comprendere come gli altri si stanno adattando ai grandi cambiamenti che stanno avvenendo in questi anni.

L’evento è stato ricco di spunti e opportunità formative, a partire dalla relazione di apertura del ceo di Autodesk Andrew Anagnost e del direttore della robotica per l’ufficio del cto, Erin Bradner, che hanno parlato di come AEC, D&M e M&E siano settori sempre più convergenti, grazie ai progressi dell’AI e dell’automazione, sottolineando da un lato cosa significherà questo per gli operatori di questi ambiti e dall’altro quanto Autodesk stia continuando a investire in questa direzione.

Sono seguite keynote specifiche per le diverse “industry”, un’ampia offerta di lezioni e laboratori, momenti di networking e un’area espositiva ricca di esempi pratici legati al future of Making Things

QS Infor non poteva mancare a un appuntamento così importante. È pertanto volato a Londra Massimiliano Marenghi, titolare e responsabile tecnico, che commenta così questa esperienza: “AU London è stata un’ottima opportunità per ascoltare i manager Autodesk e conoscere la loro visione sul futuro del manufacturing e sullo sviluppo dei software. Particolarmente interessante è stata la possibilità per i partecipanti di organizzarsi un’agenda personalizzata, selezionando, tra il gran numero di lezioni a disposizione, quelle di maggior interesse”.

Alcune delle relazioni dell’AU London sono visibili online qui